MENU

Marchio UE e internazionale

Registrare un marchio all'estero
I diritti di uso di un marchio sono validi esclusivamente nel territorio dello Stato nel quale è stata effettuata la registrazione. Dato il valore e l'importanza che un marchio può avere nel determinare il successo di un prodotto, è nell'interesse dell'impresa registrare il marchio in tutti i Paesi di esportazione o nei quali intende concedere il suo marchio in licenza d’uso.
I modi per farlo sono tre:

  • attraverso una registrazione di marchio europeo (con validità in tutta l’UE)
  • attraverso una serie di registrazioni nazionali: la domanda di registrazione va presentata all’Ufficio nazionale marchi di tutti i Paesi in cui si vuole ottenere la protezione, seguendo la procedura prevista da ogni singolo Ufficio nazionale, nella lingua prescritta e pagando le relative tasse (alcuni Paesi esigono i servizi di un consulente di marchi iscritto all’albo di quel Paese)
  • attraverso una registrazione di marchio internazionale

Il marchio europeo è un marchio che ha validità in tutti i Paesi dell’Unione Europea (e si estende automaticamente ai nuovi ingressi).
È possibile richiedere un marchio europeo effettuando il deposito direttamente sul sito internet dell’ufficio europeo EUIPO inserire link: https://euipo.europa.eu/ohimportal/it/ 
Se si presenta una domanda in Italia e poi si effettua l’estensione entro 6 mesi dal deposito nazionale italiano, la data del marchio esteso a livello europeo coincide con quella del deposito nazionale.
Il marchio dell’Unione europea è valido per dieci anni e può essere rinnovato indefinitamente per periodi di ulteriori dieci anni.

Costo del Marchio Europeo
850,00 € per una classe + 50,00 € la seconda + 150,00 € per ogni classe aggiunta oltre la seconda.

Non esiste un marchio con validità internazionale, in tutto il mondo.
Per i Paesi che hanno aderito al Sistema di Madrid è possibile procedere ad una estensione internazionale del marchio nazionale attraverso l’ufficio WIPO.
Per i Paesi che non hanno aderito al Sistema di Madrid si deve procedere con singoli depositi nazionali. Il marchio internazionale è una estensione a livello internazionale di un marchio nazionale.

Può essere esteso il marchio italiano e il marchio europeo. La procedura di estensione si fa attraverso l’ufficio in cui è stato effettuato il primo deposito: se si estende un marchio depositato in Italia, la richiesta si fa con le modalità sotto riportate, se si estende un marchio europeo, bisogna rivolgersi all’EUIPO.
Il deposito dell’estensione di marchio nazionale italiano (primo deposito UIBM) si effettua in Camera di Commercio (Procedura di estensione internazionale del marchio italiano tramite la WIPO – con deposito in CCIAA)
L’estensione si può fare in qualsiasi momento. Per i primi cinque anni di vita, il marchio internazionale segue le sorti di quello nazionale che è stato esteso. Se per qualsiasi motivo il marchio nazionale cessa di esistere, automaticamente cessa anche quello internazionale corrispondente.
Se l’estensione è effettuata entro 6 mesi dal deposito nazionale, la data del marchio internazionale coincide con quella del deposito nazionale.

Costo del marchio internazionale
Dipende dai paesi in cui si vuole tutelare il marchio. Si paga una tassa fissa amministrativa di intermediazione per la WIPO + le tasse previste da ogni singolo Paese in cui si decide di richiedere la tutela.
http://www.wipo.int/madrid/en/fees/

Moduli pubblicati nel sito WIPO
Per conoscere tutta la modulistica relativa alle varie tipologie di moduli pubblicati sul sito WIPO, corredati da note per il deposito e istruzioni per la loro compilazione: http://www.wipo.int/madrid/en/forms/ 


Per informazioni:

Stefania Rovetta e Giancarlo Merisio
e-mail: brevetti@bg.camcom.it
tel. +39 035 388 8015